Logo PJ
Home
Arcade
Musica
FabLab
Linux
DreamBox
Giochi
 
   Introduzione   Studio   Shell   DivX   Motore   DVR   USB   Varie 

Comandi da shell

Di seguito troverete una lista di comandi utilizzabili dalla shell del DreamBox che vi potrebbero tornare utili se il sistema non risponde al telecomando o se volete accelerare qualche procedura. Vi ricordo che per accedere al sistema la login è root e la password di default è dreambox.


Questi sono i comandi che il sistema usa per scrivere il nuovo firmware dentro la FlashROM: il primo serve a cancellare la parte di chip che contiene l'immagine del firmware, il secondo vi copia sopra la nuova immagine.

/bin/eraseall /dev/mtd/0 sh -c cat /var/tmp/root.cramfs > /dev/mtd/0

Per effettuare un aggiornamento manuale del firmware, ovvero senza l'utilizzo di programmi come DreamUpLan, occorre copiare via FTP il nuovo firmware nella directory /var/tmp/ e rinominarlo come root.cramfs. A questo punto andate nella sezione della configurazione di sistema alla voce upgrade e notate una nuova voce Manual upgrade all'interno della lista: selezionate tale voce e confermate l'operazione.


Con questo comando è possibile verificare le prestazioni del disco:

hdparm -t /dev/ide/host0/bus0/target0/lun0/disc


Sempre a proposito del disco fisso, è possibile effettuare una sua formattazione manuale utilizzando il comando

mkreiserfs /dev/ide/host0/bus0/target0/lun0/part1

mentre per verificare che il disco non contenga errori, o per eventualmente correggerli, è possibile usare il comando

reiserfsck /dev/ide/host0/bus0/target0/lun0/part1


Come tutti i sistemi Linux, anche il Dreambox contiene il comando reboot per riavviare la macchina e il comando halt per spegnerla (stato di deep stand-by).


Il kernel del DreamBox contiene il supporto per il filesystem NFS, per cui è possibile montare una directory remota e vederla come se fosse locale. La sintassi per ottenere questo è la seguente:

mount <rhost>:/<rdir> <ldir> -o nolock

Ecco per esempio come io monto sul mio ricevitore la directory /archive del server della mia lan:

mount server.univision.it:/archive/ /mnt/ -o nolock


Il DreamBox può essere pilotato tramite interfaccia Web: questo ci permette di utilizzare il comando wget per realizzare una serie di comandi molto utili per pilotarlo via shell. Ad esempio, ecco come si può realizzare il comando mute:

#! /bin/sh wget http://localhost/setVolume?mute=0 -O /dev/null -q


Il DreamBox viene equipaggiato con 32MB di memoria (anche se dicono 64MB, evidentemente gli altri vengono utilizzati per la directory /var/tmp), che sono più che sufficienti per il normale utilizzo del ricevitore, ma cominciano ad essere scarsi quando si comincia a smanettare (ad esempio compilando tutto il kit di sviluppo sull'HD). Può quindi tornare comodo creare un file di swap per gestire la memoria virtuale, dando così un po' di respiro alla macchina; per fare questo senza creare una partizione di swap dedicata occorre dare i seguenti comandi:

# Creo un file di dimensione 128MB dd if=/dev/zero of=/hdd/swap_file bs=1024 count=131072 # Lo formatto come file di swap mkswap /hdd/swap_file # Attivo il file di swap swapon /hdd/swap_file

Fate attenzione che la memoria swap, soprattutto in presenza di poca memoria fisica come nel nostro caso, viene utilizzata molto spesso dal sistema, quindi in caso vogliate utilizzarla anche durante le normali operazioni del ricevitore, vi consiglio di utilizzare una chiavetta USB e crearla lì